Tra maggio e giugno si sono svolte quattro tappe del circuito dell’Ilga. Quattro location suggestive e campi tosti che hanno lasciato il segno. I premi? Su misura per le Ladies del Golf

ilga

Se i cieli di Punta Ala sono stati attraversati da Italo Balbo, celebrato aviatore e ardito esploratore che le ha dato il nome (il promontorio toscano fu infatti chiamato Punta Ala perché dall’aereo quel lembo di terra appariva come l’ala di un gabbiano), i mari di questa località sono solcati dalla magica Luna Rossa, prestigiosa imbarcazione che ha partecipato alla Coppa America. Così, l’Ilga ha deciso di disputare il suo XX Campionato Nazionale proprio qui; per aggiungere lustro al territorio anche grazie al passaggio delle Ladies.

Da ogni dove hanno superato fortificazioni, torri e castelli a difesa della costa. Hanno occupato il Golf Club posizionato ai primi posti nelle classifiche europee per difficoltà tecnica e bellezza del paesaggio. Le numerose giocatrici hanno potuto apprezzare la vista sul mare direttamente dalla macchia maremmana. Alberi di sughero, lecci, querce e pini domestici e marittimi che creano su alcune buche dei veri e propri anfiteatri attorno al green.

ilga

Avversarie e… amiche

Ritrovarsi per disputare le gare dell’Associazione crea sempre un’atmosfera di cordialità e di condivisione; le cene organizzate dalla neoeletta presidente Alessandra Valtulina, la prima sera da “Bernardo” e le altre al Golf Club, sono trascorse all’insegna della convivialità nell’attesa di affilare driver e ferri per la battaglia sul campo.

Il sole ha regnato nel primo giorno di gara; il vento e la pioggia hanno disturbato la seconda giornata, che purtroppo è stata interrotta dalla sirena, suonata dall’attento segretario del Circolo all’arrivo di tuoni e lampi. La terza categoria non ha potuto completare la gara, ma la sicurezza ha la priorità. Sul sito www.italianlga.it sono pubblicate le splendide foto delle giocatrici in versione “proette” e anche un po’ “goliardica”.

L’attesa della classifica finale è stata un vero delirio

Il fermento della premiazione è stato degno della competizione. La gara è culminata con la distribuzione dei premi (sul sito dell’Associazione la classifica completa) e dei doni degli sponsor (due dei quali, Raiteri e DomusGolf, hanno vissuto il Campionato in prima persona). Il challenge intitolato alla mitica sciatrice olimpionica e socia Ilga Lidia Barbieri Sacconaghi, destinato al miglior risultato lordo assoluto, è andato a Emanuela Baj del Golf Club Rapallo.

ilga

Le Fronde, 27 maggio

Il GC Le Fronde ha ospitato, il 27 maggio, una delle tappe del circuito dell’Italian Ladies Golf Association. Situato all’imbocco della Val di Susa, il campo si sviluppa su un’area in parte collinare e in parte più pianeggiante, con un percorso di notevole contenuto tecnico in un contesto di paesaggio e natura di grande fascino. Molte buche offrono visuali suggestive con la cornice delle montagne e dei laghetti costellati da un’esplosione di colori delle ninfee.

Numerose le partecipanti alla gara. All’arrivo in club house sono state accolte dalla delegata Ilga del circolo, Maria Davico, e dalle numerose socie Ilga delle Fronde con un ricco e variegato buffet di benvenuto a colazione. Per certo queste ultime sanno come gestire una competizione: raccolgono le energie ed esprimono un elevato profilo tecnico. In occasione del XIX Campionato Internazionale Ilga tenutosi a Villa D’Este il 4 maggio, le signore in divisa color albicocca e bianco (i colori delle Fronde) si sono aggiudicate il trofeo come circolo che ha totalizzato la miglior somma di quattro score netti.

Classifica

Sul terreno del campo torinese la coppia Forneris-Wenger si è aggiudicata il primo lordo con 37 punti Stableford; nella classifica netta ha spopolato la coppia Aprà-Perino con 47 punti Stableford. Risultati che confermano che alle Fronde si respira l’aria della competizione e dell’agonismo. Alla prima coppia classificata di giocatrici del circolo ospitante è stato assegnato uno smartwatch offerto da SYS-TEK, sponsor promotore anche di un’altra gara, tenutasi il 2 luglio sempre alle Fronde, in occasione della quale si è proceduto all’assegnazione di un premio di combinata per tutte le socie Ilga che vi hanno partecipato.

Sul sito dell’Associazione sono riportate le classifiche e le foto della tappa: dalla prelibata colazione offerta dalle socie e dallo sponsor SYS-TEK ai fantastici gesti atletici delle giocatrici, sino alla cena offerta dal circolo con piatti autentici della tradizione piemontese.

Varese, 9 giugno

Grazie al circuito Ilga alcune nuove socie Ladies hanno visitato il club di Varese ed è stata una fantastica sorpresa. Entrare nella club house del circolo e ammirare il chiostro, i soffitti e le stanze del monastero benedettino è meraviglioso. Se poi ad accogliere le Ladies ci sono le socie di Varese, capitanate dalla delegate Ilga Laura Introini, con il mitico “Dolce Varese” della Pasticceria Zamberletti, è una festa garantita.

Grazie all’entusiasmo delle neofite del circuito anche le abituali frequentatrici del campo si sono soffermate ad apprezzare ciò che l’abitudine aveva reso un po’ trasparente: gli arbusti spettacolari, che in alcuni casi sembrano dei veri e propri candelieri a cielo aperto, rendono tutto il percorso un meraviglioso parco da ammirare; ci sarà un motivo se certi pini, cedri, abeti, cipressi e querce del campo hanno una targa di riconoscimento. Per non parlare degli scorci panoramici che lasciano intravvedere il Monte Rosa e i laghi che circondano la città.

Alcuni dei premi offerti dagli sponsor Ilga

Un circuito panoramico ma complesso

Il percorso, disegnato da Gannon, Blandford e Dassù, ha dato del filo da torcere alle giocatrici. Acausa del terreno molto mosso, la palla raramente si ferma perfettamente in piano; i green non sempre sono di facile lettura. Così, dopo un veloce allenamento in campo pratica grazie alle palline omaggiate dal direttore del circolo, solo la tenacia e la grinta hanno permesso a Lidia Pellisier, Carmelita Frattini e Antonella Lucentini di aggiudicarsi il primo premio netto nelle rispettive categorie di appartenenza con lo stesso risultato (38 punti Stableford). Sul sito dell’Ilga si possono trovare le classifiche e ammirare le foto delle giocatrici con le loro sgargianti divise.

Premi

Numerosi i premi che gli sponsor dell’Associazione mettono in palio a ogni tappa del circuito. Le creme Valjohn (gentilmente offerte in formato monodose prima della partenza, per evitare alle signore spiacevoli ustioni); la dolcezza dell’ambita scatola Grondona e i lussuosi doni di Airoldi e Raiteri. La gara di Varese contribuiva alla classifica dell’Albereta Award.

Al momento, il soggiorno di quattro notti al Relais Albereta con programma Swing&SPA presso l’Espace Chenot appartiene a Rosa Capoferri, prima in classifica; il soggiorno di due notti a Casa Badiola con la golf clinic è detenuto da Carmelita Frattini, seconda in classifica. La battaglia è ancora aperta e le prossime tappe per partecipare all’Award sono Biella, Royal Park e Castelconturbia.

Gardagolf, 15 giugno

Questa tappa verrà ricordata per l’incredibile numero di premi offerti e non solo dagli sponsor istituzionali Ilga. Ricordiamo Gioielleria Serafino Consoli, Divani&Divani (che ha regalato degli splendidi cuscini) e Airoldi, di cuila delegata del Garda, Luigina Bernini, ha messo in palio un meraviglioso anello di pregiata manifattura. Erano presenti anche sponsor che hanno scelto di sostenere l’Associazione in occasione della tappa del Garda. Così sono stati aggiunti premi di categoria, nearest to the pin, driving contest e premi a estrazione per poter attribuire i magnifici doni offerti.

Lo sponsor G&B in abbinamento con il noto marchio Malo ha regalato fantastici doni a tutte le vincitrici e offerto premi speciali. La Cantina Costaripa di Mattia Vezzola ha offerto una meravigliosa bottiglia da tre litri di rosé. Molte altre bottiglie sono state degustate dalle Ladies che hanno potuto apprezzare anche l’affascinante racconto del titolare in persona sulle origini di questo vino.

E ancora: Valeria Ascari dell’Azienda Agricola Calina ha offerto sontuosi cesti di frutta e verdura di alta qualità; Skin Up Golf ha mostrato alle giocatrici un erogatore di acido ialuronico per proteggere il viso da sole e vento, dato poi in premio alla vincitrice del primo lordo; Alimenti Superiori ha fatto scoprire alle socie alcune meravigliose spezie dal mondo.

Si gioca nonostante la pioggia

Ma se è vero che le Ladies amano essere coccolate dagli sponsor, è altrettanto vero che non dimenticano la competizione; e non si fanno intimidire dal maltempo. La sera precedente la gara si era infatti scatenato un temporale così forte da lasciare i bunker pieni d’acqua; ciononostante, il giorno dopo, il campo si è presentato impeccabile nella sua bellezza. La giornata soleggiata ha consentito di giocare in un bellissimo scenario, che spaziava dal lago di Garda al Monte Baldo e alla Rocca di Soiano.

Alcuni dei premi offerti dagli sponsor Ilga

Numerose sono state le socie Ilga accorse per la gara. Alcune sono arrivate anche da lontano, perché è difficile rinunciare a questo appuntamento annuale. Le atlete sono partite dal percorso bianco che sfrutta la piana verso Manerba. Presenta delle buche interessanti come la 7, con il suo lago “divora palline”; o la 9 in salita, il cui green è incastonato in un anfiteatro di antiche piante di ulivo. Le seconde nove buche sono state giocate sul percorso rosso; comprende la famosa buca 2, premiata come “una delle 500 buche più belle del mondo” da Golf Magazine.

Sul sito dell’Ilga si trovano le classifiche e le fotografie della giornata. Inoltre c’è l’invito a partecipare al viaggio ad Abu Dhabi organizzato dallo sponsor Martina Viaggi.